Se il governo fosse riuscito a predisporre un decreto (e questo sembrava proprio avere un qualche carattere d’urgenza) entro il 5 febbraio, data ultima per prendere decisioni in merito alla Pernigotti, la storia avrebbe avuto un altro epilogo e avremmo potuto organizzare una serata per la “Lettura del Decreto Pernigotti”.