fbpx
d
c

“Davagna di tutti”

il mio impegno

Risiedo a Davagna da 15 anni, anche se il legame della mia famiglia con questo territorio ha radici antiche che si ritrovano nella discendenza. Ma senza andare troppo indietro non posso certo nascondere che “Davagnino” mi ci sono sempre sentito. Da bambino la mia famiglia era solita portarmi da amici e parenti sparpagliati nelle varie frazioni. Da adolescente, poi, ho continuato per qualche anno a frequentare Marsiglia, soprattutto in estate, sicuramente scompigliando la tranquillità di alcuni di voi e quella di mio fratello Giorgio. E poi si cresce; le compagnie si trasformano, cambiano, la scuola, il lavoro, etc. Quindi sì, a questa fase si è succeduto qualche anno di “pausa” ma, alla fine, nel 2004, il richiamo è stato forte e così ho comprato casa a Moranego ed eccomi qui.

Oggi ho 42 anni, sono un Operatore Tecnico del 118 Liguria; mi occupo di ricevere e processare le richieste di soccorso sanitario, di individuarne la gravità e il tipo di risorse necessarie a fornire la migliore risposta possibile secondo la gravità della situazione e di gestirne ogni singola fase per l’accompagnamento verso la struttura ospedaliera maggiormente attrezzata per la specificità del caso. Sul territorio mi occupo della gestione delle maxi emergenze o dei grandi eventi in cui è richiesta una massiccia opera di gestione e coordinamento; dal “sporcarsi le mani” come nelle alluvioni, nei terremoti o come nelle recenti tragedie che ci hanno colpito, al doverne pianificare ogni singolo dettaglio coordinando le operazioni nelle varie Prefetture territorialmente competenti o nei centri di comando appositamente allestiti. Sempre per conto del Servizio svolgo anche formazione, rivolta a laici, a soccorritori, ad aziende. Il mio lavoro oggi deriva da una passione iniziata nel 1991, da volontario (allora le regole erano un pochino diverse), quando ancora il 118 non esisteva.

Da qualche anno si è affiancato un altro impegno, quello per la politica. Lo spirito e la voglia di contribuire, di ricercare e proporre soluzioni affinché si possano favorire condizioni di miglioramento, soprattutto nella quotidianità, nei piccoli (ma grandi) problemi di ogni individuo, è lo stesso che ha accompagnato la mia attività di volontariato e che, oggi, accompagna ciò che faccio da professionista.

Il mio approccio alla politica è questo; in buona sostanza quello del fare. Perché mi sono accorto, e ne sono sempre più consapevole, che non basti solo metterci la faccia, ma che bisogna sporcarsi le mani prodigandosi nel risolverli i problemi, non per discuterne e ipotizzarne massimi sistemi senza mai concretizzarne nulla.

Per questo “Davagna di Tutti” è la mia casa naturale. Il lavoro che questo gruppo ha svolto negli anni mi restituisce quel senso di comunità, non solo rappresentativa ma fattivamente portatrice di azioni concrete sui nostri territori, nei nostri problemi. Impensabile non perseguire questa strada con ciò che è iniziato, ciò che già è stato fatto e ciò che si potrà continuare a fare in futuro con un impegno ancor più rafforzato.

Perché personalmente credo che ogni cittadina e cittadino dovrebbe, almeno una volta nella vita, mettersi a disposizione della propria comunità e della sua amministrazione portando in prima persona quello stesso contributo di cui, negli anni, ha potuto beneficiarne per merito altrui.

Certo, amministrare un Comune oggi non è un’impresa facile, anzi: sono molte le testimonianze che, meglio di me, possono farvi un quadro chiaro su quante siano le difficoltà imposte dai meccanismi farraginosi che regolano le “dipendenze” con le altre Istituzioni e con gli altri Enti che gravitano intorno.

Questo però, sia molto chiaro, non spaventa né me né nessuno e nessuna di questa grande squadra.

Ho intenzione di mettere tutto il mio impegno, le mie capacità professionali e la mia esperienza a disposizione della Comunità; di ciascuna e ciascuno di voi. E sono assolutamente convinto che, nello spirito di collaborazione reciproca fra cittadini e amministrazione, si possa fare molto per il nostro territorio, per il nostro comune.

Io, se lo vorrete, ci sono!

Roberto Schenone - Davagna di tutti
Scrivi Schenone - Davagna di tutti
Davagna di tutti - progamma