Prima l’assenza dei renziani nella Giunta per le Immunità al Senato, poi l’elezione della renziana Patrizia Baffi come presidente della commissione di inchiesta sul Coronavirus alla Regione Lombardia.

Lo dichiara il deputato di èViva, Luca Pastorino, segretario di presidenza alla Camera per Leu.





“Oggi il comportamento di Italia viva è stato più vicino alla Lega che alla maggioranza di cui fa parte. Vista dall’esterno non si può non pensare che sia stato uno scambio.

Lo dico, peraltro, con rammarico e senza alcun spirito polemico: non serve neanche, perché basta mettere insieme i fatti.





A questo punto, però, è necessario arrivare a un chiarimento sulla natura dell’alleanza”, aggiunge.

“Il ‘no’ alla sfiducia al ministro Bonafede – aggiunge Pastorino – sembrava il preludio a un confronto più chiaro nella maggioranza, nonostante il crescendo di tensioni a cui abbiamo assistito prima dell’annuncio.

Dopo pochi giorni, con un doppio colpo in poche ore, Matteo Renzi torna al punto di partenza.





Alza il livello dello scontro tra gli alleati, e alla fine sembra più a suo agio con Salvini.

Peccato che in questi rimpalli finiscano temi di primo piano, come le indagini sulla vicenda Open Arms e la commissione di inchiesta sull’epidemia in Lombardia”.

CONDIVIDI L’ARTICOLO SUI TUOI SOCIAL





  • Articoli recenti
Bio & info

Classe ’77, Operatore Tecnico Specializzato 118 e formatore BLSD e PTC, ex Portavoce Comitato Possibile 5.0 di Genova, orgogliosamente Possibilista.

Twitter
Scrivimi
×
Autore

Classe ’77, Operatore Tecnico Specializzato 118 e formatore BLSD e PTC, ex Portavoce Comitato Possibile 5.0 di Genova, orgogliosamente Possibilista.

Commenta questo articolo