Che cosa si festeggiasse ieri, per la settantaduesima volta, lo sanno anche bambine e bambini. E saranno loro a continuare a festeggiare negli anni a venire, ad insegnarlo a loro volta alle generazioni future.

Ce lo ha tramandato chi ha vissuto quegli eventi in prima persona,

ce lo hanno insegnato a scuola,

lo abbiamo letto sui testi di storia.

Ma Matteo era assente alle lezioni di storia; il banco era vuoto.

Così, può succedere che si s-parli di Unione Europea non occupando mai il proprio banco a Bruxelles, come confondere i motti della Grande Guerra con quelli della seconda guerra mondiale avendo lasciato sempre vuoto il banco di scuola.

Questione di abitudine nel fare le cose, non facendole.

E in geografia?

Considerando che l’Impero Austro-Ungarico combattuto sul Piave si trovava a nord dell’Italia, è probabile che sui registri di classe troveremo molte assenze anche in questa materia.

 

 

  • Articoli recenti
Bio & info

Classe ’77, Operatore Tecnico Specializzato 118 e formatore BLSD e PTC, ex Portavoce Comitato Possibile 5.0 di Genova, orgogliosamente Possibilista.

Twitter
Scrivimi
×
Autore

Classe ’77, Operatore Tecnico Specializzato 118 e formatore BLSD e PTC, ex Portavoce Comitato Possibile 5.0 di Genova, orgogliosamente Possibilista.

Commenta questo articolo