La Presidente della Camera, Laura Boldrini, ha lanciato un appello a Mark Zuckerberg affinché lo stesso provveda a far chiudere le pagine facebook che hanno per oggetto l’estremismo di destra e inneggiano al nazifascismo.

In Italia non sono consentite manifestazioni fasciste né atti di apologia nei confronti del fascismo. Lo voglio ricordare oggi, anche perché l’Anpi ha prodotto una ricerca, in continuo aggiornamento, secondo la quale in Italia ci sono purtroppo circa 2.700 pagine Facebook legate all’estremismo di destra. 300 sono apertamente apologetiche. E questo rappresenta un pericolo reale perché, come sappiamo, Facebook è uno strumento molto frequentato dai giovani. Lo voglio dire chiaro e tondo: l’apologia di fascismo non può essere vietata in ogni circostanza, tranne che su Facebook. Non è tollerabile! Mark Zuckerberg prenda coraggio e cancelli una volta per tutte le pagine della vergogna!

La risposta di Zuckerberg e di Facebook non si è fatta attendere e lascia davvero sbigottiti per quanto essa stessa sia riduttiva e, ingiustificabilmente, indignitosa:

rispondono dicendo che loro hanno regole e politiche di carattere internazionale e che, quando possono, tengono conto delle legislazioni nazionali. Ma il fascismo non è una semplice questione di leggi locali, come dicono loro. Il fascismo e il nazismo sono state grandi tragedie mondiali, che i popoli e le nazioni libere hanno sconfitto pagando prezzi altissimi. Anche dagli Stati Uniti, che è il Paese in cui è nato Facebook, vennero migliaia di ragazzi in divisa a combattere per la libertà. Altro che fatto locale! E nessuno può ignorare che l’Olocausto resta la più grande tragedia, la più terribile creatura del nazifascismo. Non un singolo Paese, come può essere l’Italia, ma tutto il mondo moderno è frutto della sconfitta del nazifascismo. Con le Costituzioni democratiche, con la Dichiarazione Universale dei diritti umani, con le Nazioni Unite e l’Unione Europea. Questa memoria e questa consapevolezza dovrebbero quindi appartenere pienamente alla politica di Facebook, in ogni Paese del mondo!

Mi sento di condividere pienamente le parole della Presidente Boldrini, alle quali aggiungo solo una piccola riflessione:

forse, proprio Zuckerberg, è una delle sconfitte di questo mondo moderno nel quale, un libro virtuale, si compone di pagine che distorcono la realtà al punto di cancellarne qualunque memoria. E, forse, sarebbe il caso che Mark si rileggesse un po’ di pagine di quei libri reali, in cui si sono scritte storie senza le quali lui stesso non avrebbe mai potuto nemmeno immaginare la copertina del suo libro virtuale.

  • Articoli recenti
Bio & info

Classe ’77, Operatore Tecnico Specializzato 118 e formatore BLSD e PTC, ex Portavoce Comitato Possibile 5.0 di Genova, orgogliosamente Possibilista.

Twitter
Scrivimi
×
Autore

Classe ’77, Operatore Tecnico Specializzato 118 e formatore BLSD e PTC, ex Portavoce Comitato Possibile 5.0 di Genova, orgogliosamente Possibilista.

Commenta questo articolo