Ferruccio Sansa, candidato alla Presidenza della Regione Liguria per la coalizione di centro sinistra, fa il punto sulla realizzazione delle opere in Liguria in un lungo post sul suo profilo Facebook, opere che al netto delle tante parole, l’attuale presidente Toti non ha realizzato.

Stamattina venendo a Genova prenderete la Gronda di Toti?

Qui più che una questione di opere è un problema di senso delle parole: io sono l’uomo delle opere, dice Toti.

Chiedo a voi: quali opere vedete realizzate da Toti in questi cinque anni? Nessuna.

Il Ponte – che è un discorso a parte perché sostituisce il Morandi crollato – è stato realizzato dal Governo e dal commissario Bucci. Toti non c’entra.





Toti ha inaugurato i lavori per lo scolmatore, peccato che siano merito della giunta Doria.

Per il resto Toti non ha fatto niente. Ecco il punto.

Ieri il Ministero per le Infrastrutture ha portato a Genova un dossier con 21 opere da realizzare in Liguria.
Cerchiamo di essere concreti. Vi faccio alcuni esempi:

1. Si parte finalmente per ultimare il Nodo Ferroviario di Genova, l’opera più importante. Quella che cambierà i trasporti in Liguria, sia per i passeggeri che per le merci. Doveva essere pronto nel 2018. Siamo slittati al 2023.





2. Con il ministro ho insistito a lungo perché si acceleri il completamento dei lavori di adeguamento e velocizazzione della linea ferroviaria Torino/Milano-Genova. La scadenza che prevede l’attivazione della prima fase dell’opera per il 2024 non è sufficiente. Ho chiesto che si intervenga in ogni sede per accelerare la realizzazione di un’opera decisiva per avvicinare la Liguria e i liguri alle città della pianura e al lavoro. Mi sono state date precise rassicurazioni in questo senso. Non mollerò la presa. Mentre in cinque anni di amministrazione Toti abbiamo avuto soltanto un treno Frecciarossa che riduce i tempi di percorrenza di una manciata di minuti.

3. Il Terzo Valico è in via di realizzazione.

4. Per la Gronda – di cui Toti sa soprattutto parlare – siamo pronti a partire subito con il primo tratto. Intanto il ministero ha chiesto di spacchettarne i costi, lotto per lotto.





5. A Levante c’è la questione del completamento dell’Aurelia a La Spezia. L’opera è finanziata al 100 per cento. Il primo stralcio del terzo lotto partirà entro l’anno. Il secondo sarà appaltato entro il 2020. E per il terzo stralcio si prevede un progetto esecutivo all’inizio del 2021.

6. C’è poi il raddoppio della Pontremolese: il decreto rilancio ha destinato 170 milioni per il raddoppio di una linea essenziale per ridurre l’isolamento di La Spezia e favorire i traffici del suo porto. La ministra mi ha assicurato che è in testa alle sue priorità (è anche nel Decreto Rilancio).

7. Con il sottosegretario Traversi abbiamo parlato a lungo di un’opera che per noi è decisiva: il tunnel della Fontanabuona, essenziale per l’entroterra di Levante, troppo a lungo dimenticato. Bisogna salvare i paesi e le valli dell’entroterra che sennò altrimenti si spopolano.





Per De Micheli e il sottosegretario ligure Traversi, l’opera potrebbe rientrare tra quelle per cui esistono fondi cash che Aspi deve allo Stato (900 milioni) anche per opere senza pedaggio.

Noi non siamo contrari alle opere. Vogliamo che siano realizzate quelle necessarie e che non si getti al vento denaro pubblico.

Ma soprattutto: guardate le opere che ha realizzato Toti in cinque anni?

Stamattina per andare a Genova prenderete la Gronda?

CONDIVIDI L’ARTICOLO SUI TUOI SOCIAL

CHI E' DAVVERO L'UOMO DEI NO?Stamattina venendo a Genova prenderete la Gronda di Toti?Qui più che una questione di…

Posted by Ferruccio Sansa on Wednesday, 22 July 2020

CONDIVIDI L’ARTICOLO SUI TUOI SOCIAL

  • Articoli recenti
Bio & info

Classe ’77, Operatore Tecnico Specializzato 118 e formatore BLSD e PTC, ex Portavoce Comitato Possibile 5.0 di Genova, orgogliosamente Possibilista.

Twitter
Scrivimi
×
Autore

Classe ’77, Operatore Tecnico Specializzato 118 e formatore BLSD e PTC, ex Portavoce Comitato Possibile 5.0 di Genova, orgogliosamente Possibilista.

Commenta questo articolo