In questi giorni, la giunta Bucci, ha messo in campo il suo progetto denominato “Prè-visioni“. Si tratterebbe di una presunta riqualificazione della zona di Via Prè, nel cuore del centro storico genovese, il cosiddetto “ghetto“. 

Il progetto “Prè-visioni” si articolerebbe fra demolizioni e stravolgimento dell’intera viabilità della zona (compresa quella pedonale), passando anche per un – letteralmente – trasloco dell’intera struttura del mercato di Piazza dello Statuto.

Detta così può sembrare poca cosa ma, in realtà, per chi conosce bene Genova, un progetto di questo tipo ha la pretesa di stravolgere completamente l’assetto urbanistico di una zona le cui caratteristiche peculiari la rendono “unica al mondo” proprio per il contesto strutturale in cui è oggi incastonata, così come si presenta allo stato attuale.

E se a dirlo non bastassi io, oppure i tanti e tante genovesi, c’è anche un’Organizzazione, non proprio insignificante, che risponde al nome di UNESCO.

Qualche anno prima della giunta Bucci, per fortuna, nel 2006 l’Unesco ha infatti riconosciuto i 15.777 ettari, nei quali si sviluppa gran parte del Centro Storico genovese, Patrimonio Mondiale dell’Umanità e, come se non bastasse, la World Heritage Convention vi ha inserito una zona cuscinetto di 113 ettari definendola di eccezionale valore universale. Guarda caso, la “buffer zone” cade proprio nell’intero progetto “Prè-visioni”.

Le Strade Nuove and the system of the Palazzi dei Rolli , ovvero i 113 ettari cuscinetto, così come l’intera area riconosciuta patrimonio, rientrano in due criteri fra i 14 utilizzati dall’Unesco per le valutazioni; sono il criterio II che riconosce l’esibire un importante interscambio di valori umani, in un arco di tempo o all’interno di un’area culturale del mondo, sugli sviluppi nell’architettura o nella tecnologia, nelle arti monumentali, nell’urbanistica o nella progettazione del paesaggio e il criterio IV che riconosce l’essere un esempio eccezionale di un tipo di edificio, insieme architettonico o tecnologico o paesaggio che illustri/a uno o più palcoscenici significativi nella storia umana.

Inutile dirvi, a questo punto, i vincoli urbanistici che ne conseguono, giustamente, al riconoscimento di un’area definita Patrimonio Mondiale; vincoli che il “Prè-visioni” ignora. Sembra impossibile.

Riconoscimento, per altro, di cui Genova e il suo Popolo ne fa orgoglioso vanto e tesoro dal giorno in cui fu decretato.

Grazie all’Unesco, quindi e per fortuna, il progetto “Prè-visioni”, per come è stato pensato, può essere già accantonato da questa giunta.

La #Genovameravigliosa di Marco Bucci è un’idea che già in diverse occasioni è passata su progetti articolati in un vero e proprio stravolgimento dello sky-line della Città e con la pretesa, come per questo progetto, di annullarne completamente o quasi l’identità dei suoi luoghi.

Luoghi da conservare e valorizzare, luoghi la cui atmosfera può a volte risultare magica anche, ma non solo, per le contrapposizioni urbanistiche in cui sono oggi incastonati.

Vale la pena ricordare che Genova, in passato, ha già sofferto non poche deturpazioni seguendo criteri di illogiche “riqualificazioni” ma anche di “boom economico” e “boom edilizio“. Ma dietro tutto si celava, quasi sempre, una logica speculativa ben distante dal voler fare bene alla città di Genova.

Un caso tragico, forse il più tragico di tutti, lo scempio di Via Madre di Dio. Un’area che, per chi non lo sapesse, era all’epoca considerata come “uno dei borghi più belli d’Italia“.

Il piccone non salvò nemmeno la casa natale del Maestro Nicolò Paganini (nella foto a fianco), che si trovava nell’oggi scomparso Vico del Colle Gattamora.

Per conoscerne la sua storia, io rimando sempre al bellissimo articolo di Gabriele Rastaldo sul suo blog “Il mugugno genovese“, che dello scempio di Via Madre di Dio ne ha descritto minuziosamente tutto il percorso; lo trovate QUI

 

 

Ecco, casi come Via Madre di Dio devono rappresentare tangibile memoria di tutto ciò che non si riconosce nella parola “riqualificazione, Unesco o meno.

La riqualificazione, soprattutto oggi, passa per altre formule e altri principi. Valorizzare e preservare, anche attraverso politiche socio economiche ben misurate ai contesti in cui devono svilupparsi. Non occorrono “Prè-visioni” ma, piuttosto, occorre una visione netta e chiara su come carpire ciò che Genova ci offre con la sua bellezza, con il suo patrimonio; almeno quello che ancora non abbiamo deturpato.

Riqualificare non ha alcuna attinenza con lo stravolgere, anzi, spesso, le due logiche sono in netto contrasto fra loro.

Genova meravigliosa sì, ma Genova; non una town priva di identità. 

Di seguito, se avete ancora un po’ di pazienza, vi lascio alla lettura di quanto scrive l’Unesco su Genoa: Le Strade Nuove and the system of the Palazzi dei Rolli (che potete anche visionare in lingua originale e corredato dalle bellissime immagini sul sito, cliccando il testo) e, infine, al video realizzato, sempre dall’Unesco, a chiudere questo articolo. 

Le Strade Nuove e il sistema dei Palazzi dei Rolli nel centro storico di Genova risalgono alla fine del XVI secolo e agli inizi del XVII secolo, quando la Repubblica di Genova era al culmine del suo potere finanziario e marinaresco. Il sito rappresenta il primo esempio in Europa di un progetto di sviluppo urbano parcellizzato da un’autorità pubblica all’interno di un quadro unitario e associato a un particolare sistema di “alloggio pubblico” in residenze private, come decretato dal Senato nel 1576. Il sito include un insieme di palazzi rinascimentali e barocchi lungo le cosiddette “nuove strade” (Strade Nuove). I Palazzi dei Rolli offrono una straordinaria varietà di soluzioni diverse, raggiungendo un valore universale nell’adattarsi alle particolari caratteristiche del sito e alle esigenze di una specifica organizzazione sociale ed economica.

Sintesi breve

Le Strade Nuove e il sistema dei Palazzi dei Rolli nel centro storico di Genova risalgono alla fine del XVI secolo e agli inizi del XVII secolo, quando la Repubblica di Genova era al culmine del suo potere finanziario e marinaresco. La proprietà rappresenta il primo esempio in Europa di un progetto di sviluppo urbano parcellizzato da un’autorità pubblica all’interno di un quadro unitario e associato a un particolare sistema di “alloggio pubblico” in residenze private, come decretato dal Senato nel 1576.

La proprietà comprende un insieme di palazzi rinascimentali e barocchi lungo le cosiddette “nuove strade” ( Strade Nuove ). Mentre la ricchezza della città aumentava durante il 16 ° secolo, i ricchi aristocratici costruirono un nuovo quartiere nella parte alta della città, a nord delle strette vie di edifici medievali stretti con strade e palazzi disposti in modo formale. Il disegno delle strade è attribuito all’architetto Galeazzo Alessi che progettò anche alcuni palazzi.

Le residenze, note come Palazzi dei Rolli , offrono una straordinaria varietà di soluzioni diverse, raggiungendo un valore universale nell’adattarsi alle particolari caratteristiche del sito e alle esigenze di una specifica organizzazione sociale ed economica. Offrono anche un esempio originale di una rete pubblica di residenze private designate per ospitare visite di stato.

Sebbene i diversi palazzi avessero soluzioni progettuali distinte, in particolare in risposta alla topografia locale, condividevano caratteristiche comuni. I palazzi erano alti tre o quattro piani con un atrio con spettacolari scale aperte, cortili e logge affacciati sui giardini. Decorazioni interne hanno presentato stucchi e affreschi.

Insieme, i Palazzi dei Rolli coprono 15,77 ettari. La zona cuscinetto di 98,73 ettari attorno alle Strade Nuove copre l’intero centro storico.

Criterio (ii): l’insieme delle Strade Nuove e dei palazzi correlati mostrano un importante scambio di valori sullo sviluppo dell’architettura e dell’urbanistica nei secoli XVI e XVII. Attraverso i trattati architettonici dell’epoca, questi esempi furono pubblicizzati facendo delle Strade Nuove e dei palazzi tardo-rinascimentali di Genova un punto di riferimento significativo nello sviluppo dell’architettura manierista e barocca in Europa.

Criterio (iv): Le Strade Nuove di Genova sono un esempio eccezionale di un insieme urbano costituito da palazzi aristocratici di alto valore architettonico, che illustrano l’economia e la politica della città mercantile di Genova al culmine della sua potenza nel XVI e XVII secolo secoli. Il progetto ha proposto uno spirito nuovo e innovativo che ha caratterizzato il Siglo de los Genoveses (1563-1640). Nel 1576, la Repubblica di Genova stabilì una lista legalmente basata diRolli che riconosceva i palazzi più eccezionali per l’alloggio ufficiale di ospiti illustri.

Integrità

Il confine racchiude i principali complessi di palazzi rinascimentali e barocchi lungo le due strade principali delle Strade Nuove . I singoli palazzi mantengono la loro integrità.

Questa area di rinnovamento urbano del Rinascimento è stata integrata con la parte medievale della città e ha mantenuto intatto il suo rapporto con questo contesto. Oltre ai palazzi Rolli , la proprietà comprende anche altri edifici storici, come case medievali e altri edifici di recente costruzione. Gli interventi moderni (ad esempio l’aggiunta al teatro della città) sono relativamente limitati e non disturbano il carattere generale.

Come potenza marina, la città di Genova è sempre stata strettamente associata al suo porto, che tuttavia è stato separato dalla città per secoli da partizioni di diversa natura come le mura del 17 ° secolo, le “terrazze di marmo” nel 19 ° secolo e altre strutture di servizio. Nel dopoguerra fu costruita un’autostrada e sopraelevata su pilastri fuori terra. Il collegamento tra il porto e il centro è stato in parte ripristinato rimuovendo le strutture ferroviarie e di stoccaggio e ripavimentando l’area per l’uso pedonale. Il comitato al momento dell’iscrizione ha incoraggiato la considerazione dell’autostrada messa in un tunnel per rafforzare la connessione tra i palazzi e il mare.

Autenticità

L’area nominata racchiude l’insieme delle Strade Nuove e parte del tessuto medievale. Il modello stradale di questo complesso urbanistico rinascimentale pianificato sopra la città medievale è stato mantenuto. L’area contiene i 42 palazzi che erano nella lista di Rolli . Questi palazzi includono quelli che erano i più rappresentativi e hanno conservato al meglio la loro autenticità.

Solo uno dei palazzi è stato parzialmente danneggiato durante la guerra e la storia superiore danneggiata è stata da allora ricostruita. Questo palazzo e altri due palazzi di via Garibaldi sono utilizzati come musei. Molti dei palazzi Rolli sono di proprietà privata e pertanto mantengono la loro funzione originaria di alloggio per le famiglie genovesi. Altri forniscono l’ufficio o l’uso commerciale. Tuttavia, i proprietari hanno fatto gli adattamenti necessari con il dovuto rispetto per le strutture originali e l’autenticità storica degli edifici.

A seguito delle iniziative intraprese, in particolare a partire dagli anni ’90, i palazzi sono stati censiti e il loro stato di conservazione è stato verificato. Le facciate e gli interni di molti sono stati accuratamente restaurati. I palazzi sono in buono stato di conservazione e le loro condizioni sono monitorate dall’autorità statale.

Requisiti di protezione e gestione

La proprietà è interamente circondata dal centro storico della città, che forma la zona cuscinetto. Questo centro storico è definito come un’area di conservazione con regolamenti appropriati nel suo piano generale urbano. Inoltre, la città ha adottato un piano di gestione della conservazione per questa zona. I Palazzi Rolli e gli altri edifici monumentali inclusi nella proprietà sono tutti protetti dal Decreto Legislativo 42/2004, Codice dei beni culturali e del paesaggio. Gli interventi sull’immobile devono essere autorizzati dalla relativa Soprintendenza (ufficio periferico del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e il Turismo), che possono o negare gli interventi per motivi di conservazione o autorizzarli solo parzialmente.

I palazzi ricadono sotto diversi tipi di proprietà. Alcuni sono di proprietà privata, alcuni sono di proprietà pubblica (Comune di Genova, Stato – Ministero per i Beni e le Attività Culturali e Turismo), alcuni ospitano gli uffici di istituzioni pubbliche e musei, e altri sono di proprietà mista. Dal 2002 i palazzi fanno parte dell’Associazione dei Palazzi dei Rolli, un’organizzazione che ne promuove la valorizzazione e la gestione.

La struttura gestionale della proprietà è coordinata da Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura , che coopera con i rappresentanti di tutte le altre istituzioni coinvolte. La struttura gestionale è diretta da un Comitato Direttivo composto da rappresentanti degli enti che hanno firmato il Protocollo stesso (il Consiglio Comunale, la Direzione dei Beni e delle Attività Culturali della Regione Liguria, la Soprintendenza per i Beni Architettonici e la Campagna Ligure, il Regione Liguria, Provincia di Genova, Università di Genova, Camera di Commercio di Genova e Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura ), con funzioni politiche che definiscono strategie, approcci e priorità.

L’attuazione del Piano di Gestione è affidata a una struttura tecnica articolata in 3 gruppi di lavoro, che si riferiscono ai tre piani settoriali: Piano A. Conoscenza, protezione e conservazione; Piano B. Promozione culturale; Piano C. Miglioramento sociale ed economico. In termini di sviluppo, l’area storica che forma la zona cuscinetto viene migliorata e il patrimonio edilizio medievale sta ricevendo assistenza. Le modifiche alle proprietà sono regolate con severi controlli e la demolizione è vietata ai sensi del piano di gestione. Inoltre, le Strade Nuove sono al centro dello sviluppo turistico.

Per la sua agilità e flessibilità gestionale, la Fondazione per la Cultura di Palazzo Ducale è stata identificata come l’organizzazione più adatta a svolgere il lavoro di coordinamento tra le parti coinvolte nella gestione dell’immobile. L’organismo di coordinamento è sostenuto da un comitato scientifico che verifica la coerenza delle politiche settoriali con l’obiettivo di salvaguardare l’integrità del patrimonio, come richiesto dalla Convenzione del patrimonio mondiale.

La natura unitaria della struttura del piano darà origine a programmi integrati, sviluppando sinergie e ottimizzando gli investimenti economici delle varie parti.

 

 

 

 

 

  • Articoli recenti
Bio & info

Classe ’77, Operatore Tecnico Specializzato 118 e formatore BLSD e PTC, ex Portavoce Comitato Possibile 5.0 di Genova, orgogliosamente Possibilista.

Twitter
Scrivimi
×
Autore

Classe ’77, Operatore Tecnico Specializzato 118 e formatore BLSD e PTC, ex Portavoce Comitato Possibile 5.0 di Genova, orgogliosamente Possibilista.

Commenta questo articolo