“L’emergenza Coronavirus ha fatto riemergere, con ulteriore forza, la piaga delle disuguaglianze sociali.

Un tema ineludibile dopo le nuove disposizioni del governo. Già nella prima ondata era emerso un fatto: la pandemia ha arricchito ancora di più le multinazionali, come Amazon e i giganti del web, che pagano troppe poche tasse in Italia.





Mentre piccoli imprenditori, commercianti e lavoratori meno tutelati sentono tutto il peso della crisi economica. L’esecutivo e il Parlamento devono lavorare a una tassa di scopo su queste multinazionali, che guadagnano con la diffusione del Covid-19 e con le restrizioni introdotte per limitare i contagi.

Perché gli acquisti sono più facili, con le persone chiuse in casa.

Questo a danno delle piccole attività. Le risorse della tassa di scopo sarebbero subito utilizzabili, fin da subito, per ristorare le perdite dei titolari di aziende o esercizi commerciali danneggiati dalle chiusure e per garantire reddito ai lavoratori che finiranno per perdere il posto”.





Lo dichiara il deputato Luca Pastorino, segretario di presidenza alla Camera per Leu.

“Purtroppo – aggiunge Pastorino – nel dpcm non è stato accolto l’appello lanciato per lasciare aperte piscine e palestre che rispettano i protocolli di sicurezza.

Anche per i ristoranti la decisione è molto dura, specie per chi lavora solo o soprattutto di sera.

Con queste decisioni vengono penalizzati migliaia di titolari di questi centri sportivi o di attività di ristorazione che hanno investito migliaia di euro per tutelare la salute degli utenti.





Un danno che, peraltro, riguarda anche Comuni ed enti locali. Quindi ribadisco: da oggi è necessario prevedere subito misure di ristoro per le attività più colpite dalle restrizioni introdotte con il nuovo dpcm”.

CONDIVIDI L’ARTICOLO SUI TUOI SOCIAL

  • Articoli recenti
Bio & info

Classe ’77, Operatore Tecnico Specializzato 118 e formatore BLSD e PTC, ex Portavoce Comitato Possibile 5.0 di Genova, orgogliosamente Possibilista.

Twitter
Scrivimi
×
Autore

Classe ’77, Operatore Tecnico Specializzato 118 e formatore BLSD e PTC, ex Portavoce Comitato Possibile 5.0 di Genova, orgogliosamente Possibilista.

Commenta questo articolo